Vöi ca nassa

(testo: Luca Zaninoni - musica: Clover)


vöi ca nassa di ragazz bianc e russ, vistì da strass
chi ridan cmé i matt  a rüglä pr'una riva
chi zögan, chi südan, chi taccan da lid
ca basta na rama, na rama d'ninsöla
chi fan dill battagli ca düra tri mez
i fan i suldä e i gh'an bona mira
i's fan sö la fionda i fan i piriö

acsé sarà cmé i teimp andä
al teimp di snocc' ch'ien seimpar plä
teimp ca na vota, in quäich paes
ì'dsivan al teimp dal sangu e dla mel

vöi ca gira di ragazz e ca gira cui so pe
ca sa rampiga sö e zù cmé un sgiràtt
e ca quand i cascan i fan tant cmé i gatt
ca curan in sla gerra, ca sgüia in dla mota
ca fan la gara a saltä di canäi
chi tra la testa contra 'l mür
cun ca i'occ' ca gh'an i lüstron 
chi cridan par la bella
ca 'ia mullä par quäich cuion

vöi ca crëssa di ragazz
ch'ien astä piccin cmé me
Ch'ian ciapä na quäica platta,
di per sëcch e di sbraiòn
E ca po' a la fein dla fera ad sicür i an capì
ca ciapè na qualca plata l'era mia cul grand patì
vöi chi bevan al prim biccer
coi so amis in cumpagnia
vöi chi cantan tutta sira
fein c'armagnan seinza vüs

Sarà al teimp ca quand at'crëss
a le tütt o bianc o negar
teimp ad guerra e teimp ad festa
teimp ad mort e teimp da spüs

e po a röda al teimp di vecc'
teimp d'na vita ca l'è vulä via
teimp da fa 'l briscul in dl'ustaria
a ricurdäs ca s'eram ragazz
al teimp ca una vòta, in quäich paes
i'dsivan al teimp dal sangu e dla mel

© 2010 the Clover.

Design by Luca Zaninoni

Voglio che nascano


Voglio che nascano dei bambini,
con le guance bianche rosse, vestiti di stracci
che ridano come i matti rotolandosi,
che giochino, che sudano, che litigano tra di loro
a cui basta un ramo di nocciolo
per fare battaglie che durano tre mesi
fanno i soldati e hanno buona mira,
si costruiranno la fionda e faranno i pirioli

così sarà come una volta,
il tempo delle ginocchia sempre spelate
tempo che una volta in qualche paese
chiamavano il tempo del sangue e del miele 

voglio in giro dei bambini,
che camminano con le loro gambe
che si arrampicano su e giù come scoiattoli
e che quando cadono senbrino gatti 
che corrano sulla ghiaia, che scivolino nel fango,
che facciano a gara saltando i canali
che danno testate ai muri,
con gli occhi lustri
e piangono per la ragazza
che li ha lasciati per un coglione

voglio che crescano dei ragazzi
che sono stati bambini come me
che hanno preso qualche sberla,
dei persecchi e delle sgridate
E che poi alla fine hanno capito
che prendere qualche schiaffo non era poi quel gran dolore
Voglio che bevano il primo bicchiere
con i loro amici, in compagnia
voglio che cantino tutta notte
fino a rimanere senza voce

sarà il tempo di quado cresci,
quando è tutto o bianco o nero
Tempo di guerre e di feste,
tempo di morti e di sposi

subito dopo verrà il tempo dei vecchi,
tempo di una vita passata in un lampo
tempo di giocare a carte in osteria
ricordandosi di quando eravamo ragazzi

tempo che una volta in qualche paese
chiamavano il tempo del sangue e del miele

the-clover.net