the-clover.net

Cantarana

(testo: Luca Zaninoni - musica: Clover)


Sa t'vegna na matäda
va a fà un gir in Cantarana
va via prest a la mateina
seinza in gir n'anma viva

Mei ancura sa l'é un dé
ad chi bei, finì da piöv
al ciel lüstar, l'aria feina
in dal sileinzi dla mateina

Guarda in gir, gh'è quälcha spigh
ca g'ha ancura di mür vecc'
con dill crap, pein ad büs,
sculta bein.....e t'seint ill vüz.....

I'enn ill vüz ad Cantarana,
vüz ca prega, vüz ca vuza,
vüz ca canta, vüz ca crida
vüz ca brava vüin ca rida

Chi mür lé i'han sürb“
tütt la vita d'un quartér:
stori, lüdal, bìram, cridä
tant saracch e un gran cantä!

I mür vecc' dla Cantarana
par chi südan sutt 'l sul;
i rinvegnan e 'l so südur
al g'ha deintar tütt i udur

I'enn i udur ad Cantarana
al fiä di ciucc, mnestra scotta,
pissa in dla curt, la frütta in di ort,
al parfüm di fiur pri mort.

Con l'udur, sa't sar i'occ'
at po vëd cus sücedeva:
al carrët ca porta al giass,
tanta gint ca tribülava,

gh'era al päl dla cuccagna,
na gran festa in Cantaragna,
tütt i scranni contra i mür,
at na vädré 'tütt i culur.
I culur ad Cantarana:
verd in dl'ort, russa la lana
bianca la puar, negar al fütür
cul triculur smaciä in si mür.

© 2010 the Clover.

Design by Luca Zaninoni

Cantarana


Se ti viene una mattana
vai a fare un giro in Cantarana
vacci alla mattina presto
Quando non c'è in giro un'anima viva

meglio ancora se è un giorno
di quelli belli, dopo la pioggia
il cielo limpido e l'aria frizzante
Nel silenzio della mattina

guarda in giro, c'è qulche scorcio
che ha ancora dei muri vecchi
con delle crepe, pieni di buchi
ascolta bene e sentirai delle voci

sono le voci di cantarana
voci che pregano, voci che gridano
voci che cantano, voci che piangono
voci che sgridano qualcuno che ride

Quei muri hanno assorbito
tutta la vita di un quartiere
storie, urla, sgridate, pianti
Tante bestemmie e dei gran canti

i muri vecchi di Cantarana
sembrano sudare sotto il sole
rinvengono e il loro sudore
Ha dentro tutti gli odori

sono gli odori di Cantarana
il fiato degli ubriachi, la minestra scotta
il piscio nel cortile, la frutta negli orti
il profumo dei fiori per i morti

con l'odore, se chiudi gli occhi
puoi vedere quello che succedeva:
il carretto del ghiaccio,
tante persone indaffarata

c'era il palo della cuccagna,
una gran festa in Cantarana,
le sedie contro i muri
ne vedrai di tutti i colori

I colori di Cantarana
verde degli orti, rossa la lana
bianca la polvere, nero il futuro
Con il tricolore dipinto sui muri